Anteprima del film “La Prima Linea” con Riccardo Scamarcio e Giovanna Mezzogiorno a Toronto

agosto 14, 2009 1 Commento »

anteprima-del-film-la-prima-linea-con-riccardo-scamarcio-e-giovanna-mezzogiorno-a-torontoIl film “La prima linea” di Renato De Maria, sarà proiettato in anteprima al Toronto Film Festival, in programma dal 10 al 19 Settembre 2009.
Il film “La prima linea”, già al centro di polemiche nella fase di realizzazione, ricostruisce la vicenda dei terroristi Sergio Segio e Susanna Ronconi.
Il film, interpretato da Riccardo Scamarcio e Giovanna Mezzogiorno, è coprodotto da Lucky Red con i Fratelli Dardenne, Rai Cinema, Sky, la francese Diaphana, l’ inglese The Works ed Eurimages.
Il film “La prima linea”, sceneggiato da Sandro Petraglia, Ivan Cotroneo e Fidel Signorile, è liberamente ispirato al romanzo “Miccia corta” scritto da Sergio Segio, che negli anni’ 70 e all’ inizio degli ’80, fece parte del gruppo terroristico Prima Linea e fu condannato per l’ omicidio del giudice Emilio Alessandrini.

Il film “La prima linea” ha suscitato durante la lavorazione una serie di proteste da parte di associazioni dei parenti di vittime del terrorismo, in particolare per il finanziamento pubblico, circa un terzo del budget di 5 milioni di euro, avuto dal ministero dei Beni e Attività Culturali. Contributo che è stato però subordinato al rispetto di una serie di condizioni, data la tematica scottante.

Il film “La prima linea” è stato selezionato in anteprima al Toronto Film Festival nell’ ambito di otto “Special Presentations”, che comprendono il nuovo film “Life During Wartime” di Todd Solondz, il film “An Education” di Lone Scherfig, il film “Los Abrazos Rotos” di Pedro Almodovar e il film “Audiard Un Prophete” di Jacques.

Il film “La prima linea” uscirà al cinema dal 27 Novembre 2009

Tag: , , , , , , , ,
Di

Un commento al post “Anteprima del film “La Prima Linea” con Riccardo Scamarcio e Giovanna Mezzogiorno a Toronto”


  1. Gerardo scrive:

    Il film “La prima linea”, per i problemi che tocca, per il taglio documentaristico e umano, è un sottile esempio di filmografia impegnata italiana. Questo tipo di film deve essere potenziato in Italia e finanziato adeguatamente dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali in quanto fa a riflettere su di noi, sul nostro passato prossimo, sulla nostra identità di persone e di cittadini. E quando si riflette tutto assume un valore altamente etico ed educativo.

Lascia un commento