Il film “District 9″: gli alieni come immigrati. La fantascienza della realtà. Al cinema dal 25 Settembre

settembre 29, 2009 Ancora nessun commento »

Il film District 9 gli alieni come immigrati. La fantascienza della realtà. Al cinema dal 25 SettembreIl film “District 9″ è il nuovo film di fantascienza diretto dal regista Neill Blomkamp. Nella trama del film “District 9″, gli alieni che sbarcano sulla terra non sono i “cattivi”, ma sono solo dei visitatori stranieri che vengono però trattati come degli immigrati. E’ questa la metafora principale su cui si basa il film “District 9″: gli alieni come gli immigrati. Così il regista del film “District 9″ ha creato personaggi digitali (gli alieni del film) sporchi e “rivoltanti”, proprio per generare nello spettatore un senso di repulsione. Certo nessuno vorrebbe avere come vicini di casa questi alieni: devastano tutto, si esprimono a grugniti, sono sozzoni e anche violenti. Gli alieni inoltre sembrano davvero mostruosi: metà gamberi e metà cavallette, denutriti e bisognosi di cure.
Il film “District 9″ è un finto “documentario” di fantascienza, in cui lo spettatore (dopo l’ iniziale repulsione) finisce con l’ immedesimarsi con gli alieni “immigrati” che sono gli unici personaggi positivi del film, mentre gli uomini sono in tutto e per tutto il nemico. “District 9″ parla di un’ umanità disumana di fronte agli alieni.
Lo stesso titolo del film “District 9″, rievoca non a caso il “District 6″ dove erano confinati i neri durante l’ Apartheid. “District 9″ è senza dubbio un film che fa riflettere proprio perchè tratta in modo diretto e terribilmente crudo il tema del razzismo e della mentalità xenofoba che spinge a segregare il “diverso”. Nell’ incontro uomini-alieni, i mostri sono gli umani: spietati e violenti. Spettacolare e realistico, il film “District 9″ è una metafora sulla nostra realtà quotidiana: sui milioni di “alieni” immigrati venuti da altri mondi che hanno perduto la loro cultura e la loro dignità, e che ci circondano.

LA TRAMA DEL FILM “DITRICT 9″

Nella trama del film, gli alieni sbarcano sulla terra con la loro astronave sopra Johannesburg: nell’ astronave, apparentemente immobile, ci sono milioni di alieni denutriti, sporchi e in pessime condizioni. Le autorità “parcheggiano” gli alieni in una baraccopoli battezzata “District 9″. Per ben 20 anni gli alieni vengono stipati a Johannesburg nel distretto 9, dove sono trattati come animali e dove vivono nel caos e nell’ anarchia. Vent’ anni dopo, gli alieni sono ancora lì: non possono integrarsi con gli umani e continuano a moltiplicarsi. Ghettizzati ed emarginati, gli alieni non conoscono (né comprendono) le regole sociali terrestri: gli alieni mangiano tutto, non conoscono la proprietà privata e vivono nell’ immondizia. Inoltre i notiziari Tv li descrivono con allarmismo infondendo la paura e il razzismo nella comunità: gli alieni rubano, frugano tra i rifiuti, compiono atti vandalici, si aggregano alla malavita nigeriana che gestisce loschi traffici nel ghetto alieno. Ogni tanto qualche alieno riesce a scappare dal distretto 9 e fa incursione in città. La popolazione sudafricana, senza distinzioni di razza o colore, non tollera più gli alieni.
Il governo decide così di spostare gli alieni da qualche altra parte, anche se gli alieni vorrebbero solo tornare a casa.
Il funzionario Sharito Copley (interpretato da Wikus Van De Merwe), incaricato di trasferire gli alieni, contrae un virus che lo trasforma in extragalattico. Sharito Copley non è più umano ma non è ancora alieno, viene così a sua volta perseguitato proprio come gli alieni, e gli uomini si rivelano stupidi e crudeli.
Ma la potenza e la precisione delle armi aliene, finora celate agli uomini, non tardano a manifestarsi, perché (malgrado il loro aspetto) gli alieni sono molto evoluti…

IL TRAILER IN ITALIANO DEL FILM “DISTRICT 9″

Tag: , ,
Di

Lascia un commento