Il film “L’ Amore e Basta”: un film-documentario sulle storie d’ amore di 9 coppie gay e lesbiche

settembre 01, 2009 Ancora nessun commento »

il-film-l-amore-e-bastae2809d-un-film-documentario-sulle-storie-d-amore-di-9-coppie-gay-e-lesbicheIl film “L’ Amore e Basta” diretto dal regista italiano Stefano Consiglio, è un film-documentario che racconta le storie d’ amore di 9 coppie omosessuali, gay e lesbiche. Il film “L’ Amore e Basta” è presente al Festival del cinema di Venezia 2009 ed è uno dei film candidati al Queer Lion.

Il film-documentario “L’ Amore e Basta” racconta la storia di Alessandro e Marco, due studenti universitari di Catania; di Nathalie e Valérie, due quarantenni che vivono in Francia con la figlia Sasha; di Catherine e Christine, due sessantenni la cui storia d’ amore dura da 20 anni; di Lillo e Claudio, che sono insieme da 17 anni in un paesino vicino Roma; di Thomas e Johan, due quarantacinquenni di Berlino; di Emiliana e Lorenza, conviventi in Lombardia e insieme da 7 anni; di Gino e Massimo che lavorano insieme nel loro negozio-laboratorio di oggetti in pelle nel cuore di un quartiere popolare di Palermo e si amano da 30 anni; di Gaël e William che hanno un ristorante a Parigi; delle spagnole Maria e Marisol che sono sposate (in Spagna si può) e vivono con i tre figli, un maschietto di circa otto anni e due gemelline di sei.
I protagonisti di queste storie sono coppie che vivono felicemente insieme da molti anni, sfatando così il falso “luogo comune” dell’ incapacità per gay e lesbiche di avere relazioni lunghe e durature.

“L’ Amore e Basta”: perchè l’ amore non ha sesso, ma ha solo cuore e rispetto.
Il film “L’ Amore e Basta” uscirà al cinema dal 4 Settembre 2009.

IL COMMENTO DEL REGISTA STEFANO CONSIGLIO SUL FILM-DOCUMENTARIO “L’ AMORE E BASTA”


In merito all’ idea di girare un documentario sulle storie vere di coppie omosessuali, lo stesso regista Stefano Consiglio ha affermato: “Me lo ricordo bene quando mi è venuta l’ idea. Stavo ultimando il mio film documentario sui bambini dal titolo ‘Il futuro – Comizi infantili’ e tutto a un tratto mi sono risuonate nella mente le parole di una bambina e di un bambino di 12 anni che interrogati sul tema dell’ omosessualità mi avevano dato una risposta tanto semplice quanto inequivocabile. Lei: ‘Se loro si vogliono bene… è certo che quello che vogliono fare lo fanno. Cioè se si vogliono bene si fa di tutto per uno che si vuole bene’. E lui: ‘Ci sono certi che sono di sesso diverso che non si amano tanto come certi che sono di sesso uguale… Un uomo che ama un altro uomo può amarlo di più di una donna che ama un altro uomo’.
La spontaneità di queste parole, la freschezza di questi giudizi (anzi, non-giudizi), mi ha fatto riflettere sul come l’ amore tra due persone dello stesso sesso può essere visto come qualcosa che non ha nulla di straordinario e men che meno di strano. Eppure quante volte viene percepito come tale ! Perché ? Mi sono domandato. La risposta che mi è venuta in mente è: perché è qualcosa che non si conosce. Dell’ amore tra due persone dello stesso sesso certamente si sa che esiste e in qualche modo è anche accettato con una certa tolleranza, ma spesso se ne ha un’ idea quanto meno distratta. Insomma ci si trova di fronte a un pregiudizio, proprio in senso etimologico: un giudizio che viene anticipato. Cioè che viene prima della conoscenza.
E’ stato questo senso d’ inconsapevole (ma anche un pò colpevole!) inadeguatezza di fronte a emozioni, sentimenti e affetti così profondi – solo perché a viverli sono delle persone la cui identità sessuale è diversa da quella che si conosce, e in cui ci si riconosce, più diffusamente – a farmi venire l’ idea di un film documentario che esplorasse il vissuto dell’ amore omosessuale, e più precisamente delle coppie omosessuali.
Così con una piccola troupe mi sono messo a girare l’ Italia in lungo e in largo per incontrare e filmare coppie omosessuali che vivono un ménage di coppia. Coppie gay o lesbiche che abitano in città grandi o in piccoli centri; coppie che stanno insieme da molti anni o da molto meno tempo. Di età, estrazione sociale, economica, culturale e religiosa, le più diverse. Un viaggio attraverso l’ Italia, concedendomi però anche qualche deviazione in altre città della nostra Europa: Parigi, Berlino, Barcellona… alla ricerca di similitudini e differenze, perché i rapporti umani sono per forza di cose influenzati dalla società in cui si sviluppano.
Poi alcuni amici mi hanno offerto il loro aiuto e la loro collaborazione: Aldo Nove ha scritto un testo bellissimo che poi Luca Zingaretti ha interpretato, mentre Ursula Ferrara ha realizzato dei piccoli film d’ animazione, da par suo.
Ne è venuto fuori un film che racconta i tremori, le gioie, le paure, la dignità, le difficoltà, le speranze di tante persone dello stesso sesso che si amano e vivono insieme. Amori così veri, profondi, condivisi – anche quelli! – che il titolo del film si è imposto da solo: L’ AMORE E BASTA”.
(Stefano Consiglio)

TRAILER-SPOT FILM “L’ AMORE E BASTA”

Tag: , ,
Di

Lascia un commento