Il mio nome è Khan: un film sulla sindrome di Asperger ambientato durante l’ attentato dell’ 11 Settembre

novembre 26, 2010 6 Commenti »

Il film Il mio nome è Khan, in uscita al cinema in Italia dal 26 Novembre 2010, è un film che parla della sindrome di Asperger: un disordine mentale che ha legami con l’ autismo. Le persone colpite dalla sindrome di Asperger hanno una persistente compromissione delle interazioni sociali, con schemi di comportamento ripetitivi e stereotipati, attività e interessi molto ristretti. Il film Il mio nome è Khan è diretto dal regista Karan Johar ed esce al cinema dopo il film Adam: un alto film sulla sindrome di Asperger uscito al cinema in Italia il 14 Maggio 2010 e diretto dal regista Max Mayer. Pur parlano della sindrome di Asperger, i due film Adam e Il mio nome è Khan sono molto diversi nella trama e nella storia raccontata. La trama del film Adam racconta infatti la storia di Beth: una bellissima e intelligentissima scrittrice che dopo una deludente relazione incontra Adam, bello e autistico e inizia una complicata relazione con lui. Per approfondimenti sul film Adam, leggere l’ articolo correlato, cliccare qui: Trama film Adam: un film sulla Sindrome di Asperger. Film al cinema dal 14 Maggio 2010

Nella trama del film Il mio nome è Khan invece, oltre a raccontare la sindrome di Asperger di cui soffre il protagonista Khan, ci sono rifacimenti all’ attentato dell’ 11 Settembre 2001 dato che Khan è musulmano e vive un forte senso di colpa per la sua origine. Il film Il mio nome è Khan parla anche di temi d’ attualità e sviluppa i temi della diversità: l’ handicap mentale, la separazione all’ interno dell’ universo religioso del subcontinente asiatico, l’ irrazionale caccia al musulmano scatenatasi in Usa dopo l’ attentato alle Twin Towers.

Il film Il mio nome è Khan è in uscita al cinema in Italia dal 26 Novembre 2010.

LA TRAMA DEL FILM IL MIO NOME è KHAN

Nella trama del film, Rizvan Khan (inyterpretato da Shah Rukh Khan) è un ragazzo musulmano che soffre fin dalla nascita di una forma di autismo chiamata Sindrome di Asperger che gli impedisce di avere interazioni sociali significative. Khan è cresciuto con la madre e un fratello geloso delle attenzioni che gli venivano dedicate. Nonostante le sue difficoltà, Khan ha sviluppato una particolare abilità nel riparare guasti meccanici. Dopo la morte della madre, il fratello (emigrato negli Stati Uniti e in carriera) gli trova un lavoro come rappresentante di prodotti cosmetici negli Stati Uniti. Qui Khan conosce Mandira Rathore: madre single di un ragazzino a cui Khan si lega affettivamente e a cui dà il suo cognome. Proprio dal cognome musulmano di Khan (Mandira è hindu) iniziano i problemi per il ragazzino a causa dell’ attentato dell’ 11 settembre 2001.

IL TRAILER DEL FILM IL MIO NOME è KHAN

(Qualora il Video-Trailer del film Il mio nome è Khan non fosse visibile, potete segnalarlo riportando il link dell’ articolo e scrivendo a: redazioneioblog@gmail.com
Provvederemo a sostituire il video-trailer del film)

Tag: , , ,
Di

6 Commenti al post “Il mio nome è Khan: un film sulla sindrome di Asperger ambientato durante l’ attentato dell’ 11 Settembre”


  1. maria scrive:

    HO PIANTO PER L’ EMOZIONE NEL VEDERE IL FILM “IL MIO NOME è KHAN” ! HO PROVATO ANCHE RABBIA PERCHè NOI TUTTI DOBBIAMO CAPIRE CHE NON CI SONO Nè MUSULMANI, Nè INDù, Nè CRISTIANI, Nè MALATI, E Nè SANI… MA SOLO PERSONE “BUONE E CATTIVE” COME DICEVA QUELLA SANTA DONNA DELLA MADRE DI KHAN. IL FILM SECONDO ME è ADATTO ANCHE PER LE SCUOLE, PER INSEGNARE AI RAGAZZI MOLTE COSE ! PER ME IL FILM “IL MIO NOME è KHAN” MERITA L’ OSCAR !

  2. maria scrive:

    mi ha commosso il film “Il mio nome è Khan”, è un film entusiasmante secondo me, da andare a vedere al cinema !

  3. Patrick Giovanni Erino scrive:

    Ciao mi chiamo Patrick e ho visto il film “Il mio nome è Khan”. Sono tutti belli i film del regista Karan Johar (ne ho visti molti), ma il problema è che solo questo film è in italiano, vorrei tanto che facesse anche altri film in italiano. Il regista Karan Johar è un mito per me, mi piacciono troppo i suoi film e spero che ne farà sempre di più. Questo ultimo film in italiano “Il mio nome è Khan” è veramente bello, fa capire molte cose… dobbiamo essere tutti buoni amici sensa guerra !

  4. roberta tella scrive:

    ho visto stasera il film “Il mio nome è Khan” in programmazione su sky …che film stupendo, ho pianto dalla commozione

  5. Ale 69 scrive:

    Il film “Il mio nome è Khan” mi ha ricordato per certi versi Forrest Gump anche se a dire il vero la moglie almeno del musulmano è più innamorata del marito americano. Ci ha guadagnato in amore. Ma comunque non è quello il succo del film, anzi è la discriminazione che si respira, è stato significativo che nella trama del film ha dato i 500 dollari per i bambini dell’ africa non cristiani …ed era una cena solo per i cristiani. E’ un pò irreale per certi versi questo film, ma mi piacerebbe saperlo se fosse tratto da una storia vera. Complimenti al regista che ha saputo trarre un film indimenticabile.

  6. Sandro scrive:

    Film di spessore “Il mio nome è Khan”, spiega molto bene cos’è la diversità. Chi è diverso ? Chi può definire chi è diverso ? Dio ci ha creati tutti uguali, che Lo vogliamo chiamare Dio, Allah ecc. non cambia nulla, sempre il nostro Padre è, a Lui dobbiamo rispetto, tutto questo è spiegato nel film, troppo fatto bene, troppo toccante, ma il termine troppo vuol dire anche grande. Bravissimi gli attori, il regista e sopratutto chi ha voluto produrre un film cosi, merita davvero l’ Oscar. Non lo avevo visto, pensavo fosse un film superficiale, e invece è assolutamente da vedere !

Lascia un commento