Stefano Accorsi e Geppi Cucciari nel film “Terza Categoria” sul calcio

luglio 26, 2012 Ancora nessun commento »

Il nuovo film-commedia Terza Categoria vede protagonisti Stefano Accorsi, Geppi Cucciari, Francesco Pannofino, Jacopo Cullin, Marco Messeri e Benito Urgu diretti dal regista Paolo Zucca.

Le riprese del film Terza Categoria sono girate in Sardegna, tra Cagliari e la provincia di Oristano. La sceneggiatura del film è scritta dal regista Paolo Zucca insieme a Barbara Alberti, e il film è una co-produzione italo-argentina.

La trama del film Terza Categoria racconta l’ ascesa al successo e la successiva rovina di un arbitro corrotto (interpretato da Stefano Accorsi). La storia si intreccia con la sfida sportiva di due squadre di calcio rivali: l’ Atletico Bonaccattu è la squadra più scarsa della terza categoria sarda, e ogni anno viene battuta dal più forte Sant’ Andrìa, che è la squadra guidata dall’ arrogante proprietario terriero Brai. Ma un giorno torna in paese il giovane emigrato Matzutzi che è un vero fuoriclasse, e così la squadra sarda dell’ Atletico Bonaccattu inizia a vincere le partite grazie alle sue prodezze.

Le sfide tra le due squadre di calcio s’ intrecciano con quelle dell’ ambizioso arbitro Cruciani (Stefano Accorsi) che inizia la sua ascesa al successo raggiungendo i massimi livelli europei, ma poi viene coinvolto in una vicenda di corruzione che lo riporta alla “terza categoria”. Intanto due cugini calciatori nel Sant’ Andrìa sono coinvolti in una faida legata ai codici arcaici della pastorizia, Matzutzi cerca di riconquistare Miranda che è l’ amore della sua infanzia, e Quirico del Sant’ Andria corrompe l’ arbitro Mureno per fermare la scalata al successo dell’ Atletico Bonaccattu. Tutto sembra perduto, ma l’ Atletico Bonaccattu denuncia la truffa e riesce ad ottenere il diritto di giocarsi tutto in una sorta di finale che si trasforma però in una bolgia infernale, in cui l’ arbitro si salva dal linciaggio da parte degli spettatori solo per pura fortuna!

Il regista Paolo Zucca (che ha diretto anche il cortometraggio L’ Arbitro) ha così spiegato il suo nuovo film Terza Categoria: “Il calcio è la metafora della vita, degli inganni. Mi piaceva fare un film sulla figura dell’ arbitro che è molto interessante, essendo al tempo stesso giudice e capro espiatorio. Però non è solo quello. E’ un film molto strano, crudo, comico, poetico. C’è l’ ascesa e la caduta dell’ arbitro, c’è la storia d’ amore di Geppi Cucciari, c’è la rivalità tra due pastori sardi. Tutte queste vicende confluiscono nella partita di pallone finale”.

Il film Terza Categoria uscirà prossimamente al cinema.

Tag: ,
Di

Lascia un commento