Trama film Rasputin (+ trailer): la storia del monaco Rasputin tra occultismo e misticismo

aprile 14, 2011 Ancora nessun commento »

Il film Rasputin diretto dal regista Louis Nero è uscito al cinema dall’ 8 Aprile 2011. La figura centrale del film Rasputin (lo si capisce già dal titolo) è quella del misterioso “santo demonio” russo: Rasputin è stato uno dei personaggi più enigmatici e controversi del XX secolo, un contadino divenuto consigliere dell’ ultimo zar Nicola II° grazie ai suoi presunti poteri taumaturgici e alle sue premonizioni. Il film Rasputin è anche l’ occasione per parlare di molto altro: filosofia ed occultismo. Rasputin è un film concettuale ed è anche un film sul potere, non solo politico. Rasputin usa il peccato per combattere il peccato stesso, si comporta in maniera libertina, poi si allontana dal sesso e dagli eccessi, ma continua ad usarli come strumenti di conoscenza. Nel suo film, il regista Louis Nero si assume il compito di far riemergere la figura storica di Rasputin (definito il “the black monk”), dalle accuse di occultismo. Le domande che pone il film sono diverse: che è stato davvero Rasputin ? Un santo o un demonio ? Un mistico o un peccatore ? Un uomo illuminato e un guaritore, oppure un oscuro consigliere del Male e un impostore ?

Il film Rasputin è stato girato in gran parte in Piemonte, con qualche piccola ripresa a San Pietroburgo, e vede l’ intensa partecipazione di Francesco Cabras nel ruolo del monaco guaritore Grigorij Efimovic Rasputin. A fianco di Francesco Cabras c’è Daniele Savoca nel ruolo del principe Felikis Jusupov. L’ attore Franco Nero compare invece in veste di voce narrante nel film Rasputin.

Lo stesso regista Louis Nero ha così definito il suo film Rasputin:
“E’ un ponte tra il cinema tradizionale di narrazione, il docu-dramma e l’ arte visiva. Il film Rasputin è ambientato agli inizi del secolo scorso, ma in realtà è come se guardassimo la storia dal presente attraverso una porta che ci conduce al passato. Mi sono ovviamente ispirato molto alla pittura russa ed in particolare alle icone, ma anche a Rembrandt o a Caravaggio, con una forte attenzione alla ricerca estetica. Registicamente sono influenzato da Greenaway, ma ci aggiungo l’ aspetto narrativo, che mi serve per rivedere questa figura storica che nei film hollywoodiani, come Hellboy, ricopre sempre e solo il ruolo del cattivo. Rasputin è invece il protagonista di una ricerca interiore, attraverso le classiche tecniche mistiche di privazione-abuso della sensorialità umana: dal sesso, al cibo, alle flagellazioni. Segue anche un percorso simbolicamente cristologico, anche se certamente non parliamo del Cristo della tradizione cattolica”.

LA TRAMA DEL FILM RASPUTIN

La trama del film è ambientata a Pietrogrado nel 19 dicembre 1916. Il principe Feliks Jusupov (interpretato da Daniele Savoca) scorta il monaco Rasputin (interpretato da Francesco Cabras) nel suo palazzo, con la scusa di volergli presentare la moglie. Ad attendere il mistico i sono invece dello sherry avvelenato e dei pasticcini al cianuro, preparati da alcuni tra i più influenti personaggi di corte, riuniti in complotto. Ci sono anche dei colpi di pistola e il lancio del corpo di Rasputin, di notte, nelle acque ghiacciate del fiume Moika. Ma Rasputin viene recuperato dalle acque ancora vivo, a testimonianza di una resistenza fuori dell’ ordinario e oltre la morte.

IL TRAILER DEL FILM RASPUTIN

(Qualora il Video-Trailer del film Rasputin non fosse visibile, potete segnalarlo riportando il link dell’ articolo e scrivendo a: redazioneioblog@gmail.com
Provvederemo a sostituire il video-trailer del film)

Tag: , ,
Di

Lascia un commento